30 apr 2008

15 apr 2008

storie de gravo ...

Per le foto si ringrazia Michele Gereon
http://gere.altervista.org/




14 apr 2008


Questo sito Web e' idealmente gemellato con il sito
graisani.blogspot.com - un grazie a Ennio.

video

XXXV Festival della Canzone Gradese

****************

10 apr 2008

Il Commissariato di P.S.



Premessa:
In questi ultimi anni la fantasiosa teoria degli "universi paralleli" sta' cominciando a dimostrarsi realta'. Cerchiamo assieme di vedere se anche Grado ha creato i suoi "universi paralleli"-----*********************
La notizia aveva creato molto fermento ed in paese non si parlava d’altro. L’articolo, pubblicato in prima pagina sul giornale locale, diceva così: “Dopo 25 anni di assenza viene riaperto il Commissariato di P.S.”
Come un fulmine a ciel sereno era stata una vera sorpresa, che però aveva subito posto sulla bocca di tutti la stessa domanda: “come mai ?”
E quella mattina, lì sulla diga, al solito posto davanti al “Fortino”, la discussione era molto accesa ed animate: ognuno voleva dare la sua risposta a quella fatidica domanda…
-- Ma sì, comò senpre… i’varà ‘vuo un pochi de esuberi de personal e alora, per no fà vêghe che i se intrigheva ‘l un co’ ‘l oltro, i à dito: ‘speta che verzèmo de novo el comisariato a Gravo, cussì li sitememo duti e no vêmo più problemi…
-- Si, zè vero, son d’acordo anche me; de siguro i ‘veva i esuberi per via de la frontiera, de ‘l confin co’ la Slovenia, ‘che adesso là no ‘i serve più, e i varà dìto: alora li spostemo a Gravo, che fêmo anche bela figura !
-- Sarà anche comò che tu disi, però me son convinto che zè per via de le elessiòn, zè duta roba politica… la solita minestra !
-- Ciò, mamuli…podarave esse ‘stao anche duti quii pulisioti che ‘i stâ a Gravo o Fosalòn, e che per sparagnasse la strada fin Mofalcon o Gorissia i à ‘profitao de' i esuberi e de le elessiòn per ficasse in tana quà a Gravo !
A quel punto, il mio vecchio amico Mario, che fino a quel momento se ne era stato zitto ad ascoltare, aveva alzato le mani per chiedere silenzio e poter parlare, quasi fosse uno di quei famosi uomini politici quando salgono sul palco per fare i discorsi…
-- Adesso mamuli verzè ben le orece che ve spiego me perchè i à rimesso el comisariato…
Quando che i lo ‘veva serào, vinti e passa ani fa, Gravo el ‘veva diesemila abitanti, e adesso, che sêmo solo più o meno in otomila, i lo rimete in funsion: no zè una roba logica, me pàr…
Una volta in paese i robeva solo biciclete o al massimo garghe motorin ruzinio… adesso, si come che zè ‘stao un do furti in te’i negossi o in garghe apartamento, ‘i à ciapào paura e i zè ‘ndai a pianze in Provincia o in Region, fin che li à cunvinti a mete de novo el comisariato !
-- Ma scusa Mario, cu tu pînsi che sia ‘sti qua che i zè ‘ndai a fà la suplica ?
-- Omo… zè ciaro no..., zè ‘stao i graisani, quii carighi de soldi…
-- Mariooo! i graisani co’ i soldi i zè in quatro gati, miga no’ i pòl ‘rivà a fà una roba de’l genere !
Al sentire quelle parole, Mario si era scatenato, e con voce ancora più forte aveva continuato il suo discorso…
-- Quatro gati ? …ma cagê propio zò de’ i nuoli !
...provè a contà, …alora: i pescauri, co’i figi e i nievi, i à duti quatro o sinque apartaminti paromo, i à i Mercedes e i BMW, e le muger carghe de aneli e de colane de oro che le par la Madona Mora…
I albergaturi: piccolo o grando che ‘l sia, un albergo al te rênde solduni co’ la stagion…siuruni !
No stêmo po’ a ciacolà de quii che i à la piseria o la tratoria: i se à fâto el cul de oro…
Dopo zè quii de’ i bar e de le gelaterie, che quando tu te sînti a ’l tavulìn i te spèla per ben ! ( e ‘sti quà i se alsa ben la pila …)
Oh, dopo ‘vemo i boteghèri, che i te carga i pressi a novanta…
I negossi de’i vistìti, oreficerie, le scarpe, e cussì via; duta brava zente che te fâ la caritae ! …
No ‘stemo desmentegasse de quii che i à le oficine, i artigiani, de quii che i gestisse le darsene e i puntìli, che zè soldi a palae… duti poveriti, vero ?
E ‘ndola metèmo quii de le inprese ? …quii che i à i capanuni ? …
Dopo, se volemo ciacolà de’ la nobiltae…basta pensà a quii che zè stai in Region, in Provincia o in Comun… asesuri, cunsiglieri, podestà e vicepodestà; insoma, comò che se dize: “chi và al mulino si infarina…”
Po’ quii de Fossalon gnanche no li conto, carghi de case, de canpi e de sovensiòn !
Se li metèmo duti insieme, duta ‘sta zente zè i trequarti de la popolassiòn de Gravo… e quisti qua i vâ a fàsse le ferie a Cortina e ai Caraibi, miga no’i vâ in campegio in tenda !
A la fine de’l giro tu vîghi che resta fora solo un quarto de graisani, quii che no’i à tanti soldi, quii che zè a stipendio fisso… tipo quii che i lavora in cantier a Mofalcon, in cartiera, o co’ garghe dita de for a, o quii che i se fà solo la stagion in spiagia, in te’i alberghi, in te’i bar, e cussì via…
-- Alora zente, vê capîo ‘l antifona ? … sòn ‘stao ‘bastansa ciaro ?
…Mamuli, credême a me: i graisani i zè carghi de soldi … i graisani i zè siuri !!!

------------------------------------------------------
N.B.
Zè 'stao fàto un studio sientifico serio e che à dimostrâo che in duti quanti i Universi Paralleli risulta che i graisani i zè siuri ...
****************************************

08 apr 2008

gli amici






Ogni tanto bisogna ricordarsi anche degli amici...
Hanno fatto qualcosa per te e quindi devi ricambiare il loro impegno.
Al festival del 1988 Jimmy e Roby hanno assieme cantato la canzone "Tinpi moderni", e si trattava della canzone di esordio dell'autore che proponeva la canzone.
Salire su di un palcoscenico non e' facile... sei davanti a centinaia di persone con l'emozione e la paura di sbagliare qualcosa !
Comunque, con la voglia di far bene ed un po' di spirito goliardico come ai vecchi tempi della scuola, le cose sono andate in porto ed ognuno ha fatto la sua bella figura.

A loro va' la dedica...


***********

il caffe' "macchiato"...




Premessa:In questi ultimi anni la fantasiosa teoria degli "universi paralleli" sta' cominciando a dimostrarsi realta'. Cerchiamo assieme di vedere se anche Grado ha creato i suoi "universi paralleli"-----

Il “macchiato’ era buono come sempre: il gusto del caffe’ era forte, profumato, e la schiuma densa, pareva quasi panna, con il suo sapore di vero latte fresco.
Quì, al caffe’ Bomben, hanno sempre fatto degli ottimi caffe’; da Trieste e’ sempre arrivato il miglior prodotto del Brasile, ben tostato, ed hanno sempre avuto i migliori modelli delle San Marco, le famose macchine per fare i caffe’, quelle con il Leone di Venezia.
Le paste mi piacciono, ed oggi, nell’imbarazzo della scelta, avevo preso un pezzo di “strudel”,con la sua bianca nevicata di zucchero a velo.
Mentre lo assaggiavo avevo sentito il gusto delle sue mele, tagliate a piccoli pezzi, che certamente erano state tirate giu’ da qualche albero di Fiumicello o di San Lorenzo.
La pasta frolla era dolce e delicata, e si scioglieva in bocca morbidamente: di sicuro era stata fatta con farina proveniente da qualche mulino della furlania, uno di quei pochi mulini di una volta ancora funzionanti.
Le paste arrivavano fresche, ogni giorno, da una pasticceria di Aquileia.
Una famiglia gradese vi si era trasferita lì da qualche tempo, per motivi di lavoro, ed adesso dai suoi forni usciva un qualcosa che era un connubio tra i prodotti della terra friulana e l’innato estro artistico della gente “graisana”.
-- Ecolo qua’ ! becào : senpre co’l tovo machiato e le tove paste !
Alle mie spalle era sbucato Mario, il mio vecchio amico di scuola ...
-- Ciao Mario: como’ va’ ? che tu me cunti de novo ?
-- Ah... el solito gireto, giusto per fa’ do passi prima de sena....e tu, che tu lèsi de belo ?
Mario aveva preso in mano il libro che avevo acquistato qualche giorno prima, e che stavo leggendo, come ogni giorno solevo fare, seduto al tavolo del caffe’.
Il libro si intitolava “Il Patriarcato della Luna”, un’opera del noto scrittore friulano Carlo Sgorlon.
-- E’ provào a tòme ‘sto libro solo per curiositàe, e devo dî che no’l ze mal ...
-- Che roba ?! ... tu, che tu lesi un libro scrito de un furlan e stanpao in furlania ?....Me par che tu son scopiào ... ah, ah, ...
-- Ma de che roba ‘l conta ‘sto libro ... che roba ‘l dise el furlan ?
-- Oh, ze roba de storia antica, de storie de barbari, de Atila, de tonbe e de fantasmi, de guerieri Longobardi e de cese, e ‘l ciacola anche de parchegi : almeno fin la che son rivao de lese.
-- Ma alora vevo razon a dì che tu son scopiào : dime tu che centra i parchegi de le machine co’ Atila e i guerieri Longobardi !
-- I centra, i centra ... e come ! ...tu sa’ quel parchegio che i a’ fàto ani fà a Udine, quel vissin de la piassa, la de’l centro pedonale, quel che se và sòto e che ‘l ze duto automatico ...
Quando che ‘i scaveva i a’ catao i resti de muri, de tonbe, de armi de tinpi antichi... alora quii de le Bele Arte i a’ blocào i lavuri: alt ! duto fermo.
In Comun se a’ scadenao una baruffa che no te digo; asesuri, ingenieri, geometri : duti che volêva dì la sova, duto un sighêo.
’L inpresa la volêva ‘nda’ avanti co’i lavuri – ciò, ze solduni, no ? – el sindaco diseva che quel parchegio se doveva fâlo “assolutamente”, ‘che i vêva studiao el progeto pe’ fa’ sparì i parchegi duto intorno la che gera la zona pedonale.
Cussì saràve ‘stae meno machine in giro, meno inquinamento e meno confusion: i gera stai ani per fà i studi e convinse i abitanti de la zona.....
Le Bele Arte le diseva: “...reperti antichi ?...stop ai lavori !“
Insoma, gira e missia i a’ cunbinào che i lavuri i vâga avanti – o almeno per un poco - che dopo che ze successo? ..... I operai de la dita i gera un poco spasemai, pareva che i sintiva como’ de le vose, como’ dii laminti che vigniva su’ de quela busàta granda e scura; i diseva che gera i laminti de’i defunti che’ i a’ tocao le tonbe.
E cussì i lavuri ze ‘ndai per le longhe, co’i costi che aumenteva e la zente che brontoleva per via che no’ i finiva mai.
Se Dio vol, finalmente i finisse i lavuri e i fa’ ‘l inaugurassion: televisiòn, autorita’, sindaco, prefetto, politicanti vari, la banda, el rinfresco e’l discorso:
... ci sara’ una forte riduzione dell’inquinamento
... ci sara’ molto meno traffico cittadino
...ci saranno piu’ spazi liberi per andare a passeggio e per i bambini per giocare
...la nostra citta’ sara’ piu’ accogliente, piu’ moderna...
-- E via disendo : ...... un discorsòn de quii a la granda ! ...politica di prima classe !
-- A voia ...co’ duti quii soldi che ‘l comun de Udine ‘l a’ incassào co’ quel parchegio interào !....e te dire’, Mario, che ‘l oltra setimana son ‘ndao a Udine, per fa’ un giro pe’i negossi, e che e’ parchegiào propio la’; ma no’ me piase miga: sototèra, scuro, strani rumuri.... me a’ fâto un poco de inpression.
-- Conpare,.... sara’ stào miga el libro, no ? ...eh, eh, ....
-- Ma va’ la, Mario, senpre a dì monade tu ... comunque, per finì de contàla, quel grandioso parchegio no’ ‘l a’ sirvio a ninte, o quasi : una volta che ‘l se veva inpignio, ‘riveva oltra zente che no’ savèva piu’ indola parchegiàsse....
-- Risultato ? ...i a’ dovuo rimete de novo in funsion i parchegi che gera prima, quii in centro : cussì invesse de diminuì, el trafico el ze aumentao; ze ‘rivao piu’ machine, piu’ zente, piu’ confusiòn e piu’ inquinamento..... e como’ ciliegina su la torta, el sindaco ‘l a’ ancòra in pie una causa co’ le Bele Arte e ‘l rìstia de finì in canon ...!
-- De murì de rîe alora, oltro che libro de storia.....eh, eh,...
-- Cio, conpare, e se i farave anche a Gravo un bel parchegio cussì ? Anche qua’ ne manca i pusti per le machine; de istae ze un casìn de mati, specialmente in centro.
-- Ma se dopo ‘i tòca como’ a Udine, co’ le tonbe e i guerieri de Atila ? ....e oltre a quel, fâ buse qua a Gravo se rìstia de ‘nda’ a fundi .....
-- Varda, Mario, segondo me se i scumìnsia a scava’ digo che i cataràve solo un poche de corbole, garghe bonba ruzinia de la segonda guera mundial e garghe tubo ròto de le fogne ...! E po’, cu tu vol che mêta duti quii solduni per dopo magari finìla como’ a Udine ?
-- Giusto conpare, de siguro finirave como’ che dise el libro ..... pero’, ‘sta storia la càto bela, la me piase .... che vêmo forsi de inpara’ gargossa de ‘sti furlani ?
Detto questo, Mario mi aveva poi restituito il libro, senza fare ulteriori commenti, ma con un sorriso che parlava da se’ .....
-- Bòn conpare, adesso vàgo, ‘che ze tardi e devo ancora prontame la sena.
-- Ciao Mario, ciao ... a doman, se veghèmo.
Mentre osservavo il continuo andirivieni delle automobili lungo le rive del porto, mi accorsi che il buon sapore del caffe’ macchiato e dello strudel era svanito, e che la gola mi pizzicava : i gas di scarico cominciavano a farsi sentire e l’ossido di carbonio era ormai palpabile nell’aria ...
Guardai un attimo il grande orologio che era appeso dietro il bancone del bar e poi, tra me e me, pensai : e’ ora di tornare a casa.
****************************
Chissa' se il caffe' macchiato e le paste sono così buoni, in qualche altro "universo parallelo" .....
------------------------------------------------------------------

03 apr 2008

XXXVI Festival della Canzone Gradese




"De mar o de laguna,
sòn senpre pescaor..."


Queste iniziale poche parole della mitica canzone " Mar e palù " (1946) del duo G. Zuberti & N. Sumann, hanno da sempre segnato e contraddistinto il pilastro fondamentale, la spina dorsale della vita gradese: i pescatori.
Per secoli i nostri pescatori hanno rappresentato la maggioranza della popolazione gradese, attorno alla quale girava la vita economica e sociale del paese.
A loro voglio dedicare la canzone "Ze un posto..."
Questa canzone, cantata da Monica Maran, ha partecipato al festival del 1997.




*********************

Le due signore







Premessa:In questi ultimi anni la fantasiosa teoria degli "universi paralleli" sta' cominciando a dimostrarsi realta'. Cerchiamo assieme di vedere se anche Grado ha creato i suoi "universi paralleli"-----

*********************

Le due signore, sedute al tavolo del bar, si godevano il fresco tramonto settembrino.
Parlavano quasi sottovoce, pacatamente, interrompendo il loro tranquillo discorso solo per sorseggiare il loro te'.Non c'era molta gente in giro e. sul golfo, in lontananza, cominciavano ad accendersi le prime luci.-
Ogni tanto, una delle due signore apriva un colorato depliant, per darvi una breve occhiata e poi riprendere il colloquio.
- Non avrei mai creduto di trovare un posto così, come dice il depliant: una spiaggia molto bella, una cittadina così tranquilla e pulita, senza fabbriche od attivita artigianali che inquinino; la gente così eterogenea, tanti negozi e questi grandi alberghi, proprio un vero paradiso per i turisti.
- Oh, guardi, io ci sono venuta la prima volta quasi trent'anni fa', era il duemiladieci o giu' di lì. Facevano la pubblicita ai primi alberghi diffusi -che poi non ho mai capito perche' li chiamassero così-, praticamente era come avere la stanza dell'albergo in mezzo alla laguna, con tutte le piu’ moderne comodita'.-
Con dei grossi e velocissimi motoscafi si poteva raggiungere il paese in pochi di minuti.
Ogni tanto si incrociava della gente che con le loro piccolo barchette andava ai cosiddetti casoni, che non erano altro che delle casupole senza comodita' alcuna: senza aria condizionata, niente elettricita' ne acqua corrente potabile, e tutto intorno fanghiglia e zanzare: dei luoghi veramente inabitabili !
- Meno male che tutte queste casupole adesso sono scomparse, e che al loro posto ci sono questi bei alberghi e queste belle ville lagunari.
- Ma della spiaggia, signora, cosa mi puo' dire della spiaggia ?
- Oh, quando si va' alla spiaggia e' una meraviglia; mi sento proprio come nel salotto di casa mia. Vede, tutto e' riservato per noi clienti, e non si rischia di trovarsi in mezzo a certa gentaglia che non ha nemmeno i soldi per pagarsi un caffè’ … sa', sono quelli degli appartamenti....
- L'albergo ha assunto degli inservienti balneari che sono di una gentilezza e di una premurosita' che non le dico, e tutti quanti, oltre all' taliano, parlano perfettamente il tedesco e l'inglese.... tutta gente di citta', colta e con titoli di studio.
- Lei deve pensare, cara signora, che una volta bisognava pagare per entrare in questa spiaggia, che oltretutto era anche tutta chiusa e recintata : una cosa davvero strana ed inconcepibile !
- Il direttore dell'albergo mi racconta spesso la storia di come, dopo scontri e battaglie a non finire, i proprietari dei piu 'grossi alberghi sono riusciti ad avere la concessione dei migliori pezzi di spiaggia per cosi' finalmente poter offrire ai propri clienti dei servizi di prima qualita'.
- Eh si, all' albergo sono molto premurosi, ci indicano anche quali sono i migliori negozi per fare gli acquisti ed i migliori ristoranti del centro dove, oltre al buon pesce che potra' mangiare, le puo' anche capitare di trovare una persona che e' veramente del posto, dalla discendenza gradese; sa, ormai sono rimasti cosi' in pochi....
- Come mi raccontava la proprietaria di quel bel negozio sull'angolo, vicino alla basilica, che in paese ci sono ancora solo poche famiglie di vera discendenza locale, di "graisani", o almeno cosi' li chiamavano.- Erano dei pescatori e la loro cittadina e' sorta prima di Venezia; qualcuno addirittura la nominava come "la madre di Venezia".
- Inoltre, come puo' leggere nel suo depliant turistico, nei tempi antichi Grado era sede del Patriarcato e, dopo la distruzione di Aquileia da parte dei barbari, era divenuta la citta' piu importante del nord-est per l' impero romano.
- Ah, capisco, ...ma gli altri ?, voglio dire, gli altri cittadini gradesi: come mai sono rimasti così in pochi ?
- Oh, signora, le diro'....le famiglie che non potevano permettersi di comperare un appartamento dove poter vivere - e ce ne sono così tanti a disposizione ! .... si sono trasferite, sono andate ad abitare fuori, in altri posti, nei comuni limitrofi.
- E poi una cittadina così bella ha attirato molta gente da fuori; e' per questo motivo che sulle targhette dei campanelli si leggono dei cognomi strani, che non sono del posto......
La crisi economica del primo decennio del duemila ed un po' la conseguente crisi delle nascite poi hanno fatto il resto.
- D'altra parte, di vivere in un posto così lussuoso e così caro mica tutti possono permetterselo !
- Le devo dare proprio ragione signora, questo posto e' veramente come sta' scritto sul depliant… "GRADO : una ridente cittadina sul mare ".......
************************
Chissa' cosa stanno dicendo le due signore, nell'anno duemilaquaranta, nel loro "universo parallelo" ?.....
--------------------------------------------------------------------