08 apr 2008

il caffe' "macchiato"...




Premessa:In questi ultimi anni la fantasiosa teoria degli "universi paralleli" sta' cominciando a dimostrarsi realta'. Cerchiamo assieme di vedere se anche Grado ha creato i suoi "universi paralleli"-----

Il “macchiato’ era buono come sempre: il gusto del caffe’ era forte, profumato, e la schiuma densa, pareva quasi panna, con il suo sapore di vero latte fresco.
Quì, al caffe’ Bomben, hanno sempre fatto degli ottimi caffe’; da Trieste e’ sempre arrivato il miglior prodotto del Brasile, ben tostato, ed hanno sempre avuto i migliori modelli delle San Marco, le famose macchine per fare i caffe’, quelle con il Leone di Venezia.
Le paste mi piacciono, ed oggi, nell’imbarazzo della scelta, avevo preso un pezzo di “strudel”,con la sua bianca nevicata di zucchero a velo.
Mentre lo assaggiavo avevo sentito il gusto delle sue mele, tagliate a piccoli pezzi, che certamente erano state tirate giu’ da qualche albero di Fiumicello o di San Lorenzo.
La pasta frolla era dolce e delicata, e si scioglieva in bocca morbidamente: di sicuro era stata fatta con farina proveniente da qualche mulino della furlania, uno di quei pochi mulini di una volta ancora funzionanti.
Le paste arrivavano fresche, ogni giorno, da una pasticceria di Aquileia.
Una famiglia gradese vi si era trasferita lì da qualche tempo, per motivi di lavoro, ed adesso dai suoi forni usciva un qualcosa che era un connubio tra i prodotti della terra friulana e l’innato estro artistico della gente “graisana”.
-- Ecolo qua’ ! becào : senpre co’l tovo machiato e le tove paste !
Alle mie spalle era sbucato Mario, il mio vecchio amico di scuola ...
-- Ciao Mario: como’ va’ ? che tu me cunti de novo ?
-- Ah... el solito gireto, giusto per fa’ do passi prima de sena....e tu, che tu lèsi de belo ?
Mario aveva preso in mano il libro che avevo acquistato qualche giorno prima, e che stavo leggendo, come ogni giorno solevo fare, seduto al tavolo del caffe’.
Il libro si intitolava “Il Patriarcato della Luna”, un’opera del noto scrittore friulano Carlo Sgorlon.
-- E’ provào a tòme ‘sto libro solo per curiositàe, e devo dî che no’l ze mal ...
-- Che roba ?! ... tu, che tu lesi un libro scrito de un furlan e stanpao in furlania ?....Me par che tu son scopiào ... ah, ah, ...
-- Ma de che roba ‘l conta ‘sto libro ... che roba ‘l dise el furlan ?
-- Oh, ze roba de storia antica, de storie de barbari, de Atila, de tonbe e de fantasmi, de guerieri Longobardi e de cese, e ‘l ciacola anche de parchegi : almeno fin la che son rivao de lese.
-- Ma alora vevo razon a dì che tu son scopiào : dime tu che centra i parchegi de le machine co’ Atila e i guerieri Longobardi !
-- I centra, i centra ... e come ! ...tu sa’ quel parchegio che i a’ fàto ani fà a Udine, quel vissin de la piassa, la de’l centro pedonale, quel che se và sòto e che ‘l ze duto automatico ...
Quando che ‘i scaveva i a’ catao i resti de muri, de tonbe, de armi de tinpi antichi... alora quii de le Bele Arte i a’ blocào i lavuri: alt ! duto fermo.
In Comun se a’ scadenao una baruffa che no te digo; asesuri, ingenieri, geometri : duti che volêva dì la sova, duto un sighêo.
’L inpresa la volêva ‘nda’ avanti co’i lavuri – ciò, ze solduni, no ? – el sindaco diseva che quel parchegio se doveva fâlo “assolutamente”, ‘che i vêva studiao el progeto pe’ fa’ sparì i parchegi duto intorno la che gera la zona pedonale.
Cussì saràve ‘stae meno machine in giro, meno inquinamento e meno confusion: i gera stai ani per fà i studi e convinse i abitanti de la zona.....
Le Bele Arte le diseva: “...reperti antichi ?...stop ai lavori !“
Insoma, gira e missia i a’ cunbinào che i lavuri i vâga avanti – o almeno per un poco - che dopo che ze successo? ..... I operai de la dita i gera un poco spasemai, pareva che i sintiva como’ de le vose, como’ dii laminti che vigniva su’ de quela busàta granda e scura; i diseva che gera i laminti de’i defunti che’ i a’ tocao le tonbe.
E cussì i lavuri ze ‘ndai per le longhe, co’i costi che aumenteva e la zente che brontoleva per via che no’ i finiva mai.
Se Dio vol, finalmente i finisse i lavuri e i fa’ ‘l inaugurassion: televisiòn, autorita’, sindaco, prefetto, politicanti vari, la banda, el rinfresco e’l discorso:
... ci sara’ una forte riduzione dell’inquinamento
... ci sara’ molto meno traffico cittadino
...ci saranno piu’ spazi liberi per andare a passeggio e per i bambini per giocare
...la nostra citta’ sara’ piu’ accogliente, piu’ moderna...
-- E via disendo : ...... un discorsòn de quii a la granda ! ...politica di prima classe !
-- A voia ...co’ duti quii soldi che ‘l comun de Udine ‘l a’ incassào co’ quel parchegio interào !....e te dire’, Mario, che ‘l oltra setimana son ‘ndao a Udine, per fa’ un giro pe’i negossi, e che e’ parchegiào propio la’; ma no’ me piase miga: sototèra, scuro, strani rumuri.... me a’ fâto un poco de inpression.
-- Conpare,.... sara’ stào miga el libro, no ? ...eh, eh, ....
-- Ma va’ la, Mario, senpre a dì monade tu ... comunque, per finì de contàla, quel grandioso parchegio no’ ‘l a’ sirvio a ninte, o quasi : una volta che ‘l se veva inpignio, ‘riveva oltra zente che no’ savèva piu’ indola parchegiàsse....
-- Risultato ? ...i a’ dovuo rimete de novo in funsion i parchegi che gera prima, quii in centro : cussì invesse de diminuì, el trafico el ze aumentao; ze ‘rivao piu’ machine, piu’ zente, piu’ confusiòn e piu’ inquinamento..... e como’ ciliegina su la torta, el sindaco ‘l a’ ancòra in pie una causa co’ le Bele Arte e ‘l rìstia de finì in canon ...!
-- De murì de rîe alora, oltro che libro de storia.....eh, eh,...
-- Cio, conpare, e se i farave anche a Gravo un bel parchegio cussì ? Anche qua’ ne manca i pusti per le machine; de istae ze un casìn de mati, specialmente in centro.
-- Ma se dopo ‘i tòca como’ a Udine, co’ le tonbe e i guerieri de Atila ? ....e oltre a quel, fâ buse qua a Gravo se rìstia de ‘nda’ a fundi .....
-- Varda, Mario, segondo me se i scumìnsia a scava’ digo che i cataràve solo un poche de corbole, garghe bonba ruzinia de la segonda guera mundial e garghe tubo ròto de le fogne ...! E po’, cu tu vol che mêta duti quii solduni per dopo magari finìla como’ a Udine ?
-- Giusto conpare, de siguro finirave como’ che dise el libro ..... pero’, ‘sta storia la càto bela, la me piase .... che vêmo forsi de inpara’ gargossa de ‘sti furlani ?
Detto questo, Mario mi aveva poi restituito il libro, senza fare ulteriori commenti, ma con un sorriso che parlava da se’ .....
-- Bòn conpare, adesso vàgo, ‘che ze tardi e devo ancora prontame la sena.
-- Ciao Mario, ciao ... a doman, se veghèmo.
Mentre osservavo il continuo andirivieni delle automobili lungo le rive del porto, mi accorsi che il buon sapore del caffe’ macchiato e dello strudel era svanito, e che la gola mi pizzicava : i gas di scarico cominciavano a farsi sentire e l’ossido di carbonio era ormai palpabile nell’aria ...
Guardai un attimo il grande orologio che era appeso dietro il bancone del bar e poi, tra me e me, pensai : e’ ora di tornare a casa.
****************************
Chissa' se il caffe' macchiato e le paste sono così buoni, in qualche altro "universo parallelo" .....
------------------------------------------------------------------

Nessun commento: