05 gen 2011

Grado, estate 2010

                           In t’un momento


Sòn tornao a caminà sora le vecie piere pe’ là de le cube,
in mezo a ‘l sighèo liegro de i fantulini che zòga,
tra i balaùri e le càneve.
      E’ de novo caminao sora i marmi e i mosaiçi de i nobili romani
      e de i sacri patriarchi e, in tè la penonbra e ‘l fresco de la Ciesa,
      è sintîo i antighi canti e le preghiere dîte sotovoze
           de le vecie co’l sial nero.


De sora de ’l reparo, son tornao a vèghe ‘l golfo e ‘l sò mar,
un prao de blù co’ miera de vele dute colorae;
quel mar grando che de ‘l Oriente  ‘rivèva i grandi barchi
carghi de anfore piene de gran, de ogio e de spèssie;
quel mar che ‘l portèva fresca bava liziera e grandi tenporai,
o che de ‘ndola spuntèva le nere vele de i pirati Saracini.

È bevuo un bicier de vin co’ i amissi in ostaria,
in mezo a ‘l fumo e a la confusion de mile discursi,
in mezo a canti stonài e ‘nbriaghi de fumo e de vin
e co’l sighèo e ‘l biastemà de’l zogà a carte o de la mora.

Co’ la batèla è velisao inte ’l mezo de ’l paluo pe’ vèghe i casuni,
le vale, i arzeni de fango e le seràgie, i tamarisi e i fiuri de tapo,
le sgarzète bianche e i sievuli che sòlta.

...ma, in t’un momento, un rèfolo de vento fredo ‘l m’à comò svegiào
e i mie oci à visto un mondo scuro, fermo, silensioso e muto
quasi comò ‘l fôssa distuao.

E cussì xe restào anche ‘l gnò cuor ...


               * * * * * * * *

8 commenti:

Anonimo ha detto...

No' tu geri solo
co' 'l anema in vagassion,
tra cale e canisele
de Gravo nostra,
a miera, a miera
i nostri veci nuni
i pianzeva co' tu,
a torzio int'el mar grando.
E in cesa granda, un pescaor,
un solo pescaor,
co' i vogi lustri,
intoneva 'l De profundis.

Anonimo ha detto...

che ze , fe gara a cu che fa le piu bele poesie??

thor

Alien ha detto...

...xe solo dei piculi pensieri Thor,
co' Teti xe uduto un oltra storia...
ciao,

Anonimo ha detto...

piculi pensieri Alien?Comoh tu scrivi me par de rivive i muminti quando zon vignuo a Gravo( 15ani fa)dopo mundi ani de assensa.I stissi muminti vissui.
ciao thor

Paolo ha detto...

come direbbe il compianto Michele Bongiorno... Allegria!!! devi essere l'influenza suina in giro che stimola versi malinconici.... me xé capitado anche a mi ;-)

ps in ogni caso complimenti a tutti e due e, Aldo non me ne voglia, ma devo dire che nella loro brevità quelli di Teti (è lui?) si aggiudicano (magari di poco) il mio personalissimo posto più alto sul podio

ciao e continuate così

Alien ha detto...

caro Paolo, ti devo ringraziare per avermi messo al secondo posto... vuol dire che Teti è il più malinconico !!!
Onestamente però ti devo dire che i miei versi sono stati dettati dalla rabbia e non dalla malinconia ...
Un saluto a Tutti Voi,
Aldo

gratacasa ha detto...

Gero distrato da la passera scopaiola e no te vevo visto, ma no posso mancà e triste per triste, becchete questa:

La Scussa

Comò un angelo cagiuo
la verto le ale,
morta sul deserto de la spiagia.
Ma drento la sò anema,
una camera rosa,
se sente 'ncora al mar
che conta de un viaso
che no finisse mai.

Alien ha detto...

caro Enio,
devo dite che 'l tenpo de la manincunia, de i ricordi, l'è passao de un toco ... adesso xe oltro 'l spirito che me sburta a dì certe robe. Per ganbià discorso xe megio tornà a ciacolà de'l tovo, che 'l porta più alegria !!!