08 giu 2011

il Marco Polo gradese


Open publication -
Si ringrazia il giornalista Stefano Lorenzetto, de IL GIORNALE, per il suo contributo giornalistico.


*                   *                  *

9 commenti:

thor ha detto...

Forte.Aspetto i prossimi articoli.

Gravo sara un paese de corcai, però, quanti simpatici personaggi ha messo al mondo.

Teti ha detto...

Che bel personagio....Ciò Aldo "duti" ben o mal i zè passai pe'Casatonda, anche la siora Valeria so' suocera ....tu te la ricordi ?

Alien ha detto...

si Teti, me recordo... como' un poco per duto quii tinpi i 'veva certi personagi o particolari o co' le sove storie de contà...
bei tinpi...

leonardo ha detto...

Leonardo posso? se un picolo assaggio de un gargossa che val zà un sentener de pagine Oci de fantulin

Casatonda: ricordi…
Al portego, in ingresso, al ganbieva color sigondo al bate del sol che ‘l passeva traverso un porton grando de legno che ‘l profumeva senpre de suto.
Porton grando: quasi senpre serao, de fianco co in mezo na colona, al portonsin ,senpre de legno, forsi piturao de verde, che fadiga sburtalo in avanti al se rastreleva, ma dopo gera le bici, le scarasole, pusae su le colone quadrate col bordin de fero.
Davanti se verzeva 'l curtivo: tre portuni de scale, tre microcosmi, tre mundi, tre ..nta e passa famege.
Se sero i oci e viazo sensa tenpo sento al
profumo de nissioi pena lavai in lavatoio, al gera mundi fresco co’ l’acqua che score.

Finestre spalancae verso ‘l curtivo, i gati i coreva drio al sol e le mare feva lo stesso pe’ i nissioi o i terliss missi a sugà.

Dai barcuni verti se spandeva la musica de le radio( rigorosamente a valvoel i transitor che riva più tardi i soneva pezo i gera duti più piculi.
Le notissie diretamemte dal radiogionale e puntuale comò la boleta de l’acqua,
Le cansòn : MusicaPerVoi...
Musica per Voi a duto volume e garghedun canteva sora, me par de sintile “La note” de Adamo, Fiume amaro de la Zanicchi, sul final anche Bandiera Rossa o Cin cin co’ Gin Pitney ( ese scrive cussì), le cansòn Ye –ye e via stroboloti su le cansòn inglisi, yukuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu
che storie
Al venere al 1 e meza al sigo , dopo al radiogionale, de Lelio Lutazzi ( al triestin) de HIIIIT PAREID e zò le clasifiche.

Istae
Casatonda barcuni in sfesa al dopopranso d'istae...silensio!!?!! la corsa continua all’onbra.
I omini che torneva prima de lavòr e che voleva reposà.
che storie (...)
Sergio che torneva da la spiagia ( bagnin de serie A che al saverva ben al tedesco)
gno fradei ( ...)
Gaini e Casatonda: ricordi…
Al portego al ganbieva color sigondo al bate del sol che ‘l passeva trav3erso un porton grando de legno che ‘l profumeva senpre de suto.
Porton grando quiasi senpre serao, de fianco co in mezo na colona, al portonsin , senpre de legno , forsi piturao de verde, che fadiga sburtalo in avanti ma dopo gera le bici, le scarasulole, pusae su le colone quadrate col bordin de fero.
Davtani al curtivo: tre portuni de scale, tre microcosmi, tre mundi
Se sero i oci e viazo sensa tenpo sento

profumo de nissioi pena lavai in lavatoio, al gera mundi fresco co’ l’acqua che score.
Finestre spalancae verso ‘l curtivo, i gati i coreva drio al sol e le mare feva lo stesso pe’ i nissioi o i terliss missi a sugà.
Dai barcuini verti se spandeva la musica de le radio. Le notissie diretamemte dal radiogionale e puntuiale comò la boleta de l’acqua, MusicaPerVoi...
Musica per Voi a duto volume e garghedun canteva sora, me par de sintile “La note” de Adamo, Fiume amaro de la Zanicchi, sul final anche Bandiera Rossa o Cin cin co’ Gin Pitney ( ese scrive cussì), le cansòn Ye –ye e via stroboloti su le cansòn inglisi, yukuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu
che storie

leonardo ha detto...

continua
Istae
Casatonda barcuni in sfesa al dopopranso d'istae...silensio!!?!! la corsa all’onbra. I omini che tornbeva prima de lavòr e che voleva reposà.
Da i oltre 36 ‘partaminti 36 famegie: baruffe inpissae che sintiva duti,e dopo lunghi silinsi…e rece a penelo
Casatonda al spande de profumo de pransi, poveri ma dignitusi, sinplici ma co’ gusti e profumi decisi...sughi, pesse frito, buriti e fiache de vin. I più siuri ( parola che no se useva) i veva la frissina e ‘lora poco prima de mezodì se sintiva che l’acqua friseva comò al citrato.

Casatonda
mamuli che zoga in curtivo,
omini che torna dal lavor,
femene che torna dal mercoi co' le borse da la spesa,
mamuli che cresse e va a scuola,
matrimuni co le scale infiorae,
funerai co lagreme che bate su le porte de trenta famegie
le biciclete soto al portego,
Siora Giulia che siga,
al triestin che intona na barufa e la mare che meta a sugà che pretende silensio pe i figi che lavora duto al giorno.
Istae :
i magiolini sul toco de verde vissin a le corde pe' sugà
i mamuli ch ei core drio e , dopo vili ciapai, li fica drento le botiglie de coca.
Istae in Casatonda
guai a le bici in curtivo soto le finestre
istae...
I gogugi in curtivo xè rivai col scuro...che festa

E l’inverno…
le mare che bateva la bacalao in curtivo col martelo o co la manera per roverso,
sul soco vissìn al lavatoio duti i spacheva i ligni per fa fogo,
dopo rioveva al carbon pe le stufe..
Le cantine senpre carghe de acqua , de mufa e de odor de fogna..i gati che paceva ..
( continua) Giani e Vitorio che va in oficina katia, ariana curina..pino, alida, anna, willy, dori ( (...) memopria che score.
(...)
Da i oltre 36 ‘partaminti 36 famegie: baruffe inpissae che sintiva duti,e dopo lunghi silinsi…e rece a penelo (...)

Casatonda (...) in curtivo se spande de profumo de pransi, poveri ma dignitusi, sinplici ma co’ gusti e profumi decisi:sughi, pesse frito, buriti e fiache de vin. I più siuri (parola che no se useva) i veva la Frissina e ‘lora poco prima de mezodì se sintiva le bsutine sbregae e l’acqua che friseva comò al citrato drento botiglie refae col tapo sora.
(...)
Casatonda
mamuli che zoga in curtivo,
omini che torna dal lavor,
femene che torna dal mercao co' le borse da la spesa,
mamuli che cresse e va a scuola,
matrimuni co le scale infiorae,
funerai co lagreme che bate su le porte de trenta famegie(...)

(...)le biciclete soto al portego,
Siora Giulia che siga,
al triestin che intona na barufa e la mare che mete a sugà che responde pretendendo silensio pe i figi che lavora duto al zorno(...)
Istae:la ciacolada sentai su la panchina in curtivo, mamuli che zoga soto sera,
i magiolini sul toco de verde rente a le corde pe' sugà
i mamuli che i core drio e, dopo vili ciapai co' le mane, li fica drento le botiglie de coca. Coca cola de litro naturalemnte, garghedun zonteva garghe fior per fali magnà à( ...)

Istae in Casatonda
guai a le bici in curtivo soto le finestre ( ...)
istae...
Al curtivo al gera cussì bruto e spelao che i à pensao de metelo in sesto.(...)
I gogugi in curtivo xè rivai col scuro...che festa
(...)
E l’inverno…
le mare che bateva la bacalao in curtivo col martelo o co la manera per roverso,
sul soco vissìn al lavatoio duti i spacheva i ligni per fa fogo,
dopo rioveva al carbon pe le stufe... CAmini che fuma, spagher inpissai duto al dì, ligni de stivà
( ...)
Autuno Le cantine senpre carghe de acqua, de mufa e de odor de fogna..i gati che paceva ..
( continua)

thor ha detto...

Leonardo , bele storie , tu me ha fato torna mamoleto e fato ritorna la memoria de quii timpi.
ciao

Alien ha detto...

bravo fradel,
A zugà: le stinche, i daci, i giornalini,i çinquantini, le cartuline (pe' le mamole)...

La buora, i getuni pe'l lavatoio, siora Feri, Iler...

thor ha detto...

E de no desmentegasse Regolin, tovo vissin de porta che al soneva al trombon e al mio vissin Nunzio anche elo col trombom , i dismissieva duti.

Teti ha detto...

Dai, dai Leo, 'ndemo vanti che la zè massa bela, lezendola sbolo col cuor in quel logo de "tinpi spensierai".
Grassie Leo