28 set 2011

- Nota di servizio -




Alla data odierna, il nostro sito web:
YouTube - Gravomore
ha raggiunto e superato le 
600.000  visite.








I libri della  piccola biblioteca di: Noltri Graisani
  sono arrivati a quota  31.000  letture.





*                     *                     *

22 set 2011

Grado spot


Interno della basilica di S.Eufemia - Grado, 1900

10 set 2011

UNIVERSI PARALLELI

Premessa: In questi ultimi anni la fantasiosa teoria degli "universi paralleli" sta' cominciando a dimostrarsi realta'. Cerchiamo assieme di vedere se anche Grado ha creato i suoi "universi paralleli.
 



TRÂBA – KÖLOS


Nell’aria si respirava intenso ed acre l’odore del fumo degli incendi e molte fiamme ardevano ancora tra le rovine di Aquileja…
La città era stata completamente rasa al suolo, ma Attila aveva lo sguardo puntato da un’altra parte… verso quella piccolo isola laddove, col favore delle tenebre, erano riusciti a fuggire ed a prendere riparo il Patriarca con   le sue autorità religiose,  assieme a molte famiglie di nobili, donne e bambini.

Non sarebbe stato facile conquistare quell’isola in quanto non c’era strada alcuna per poterla avvicinare, era circondata da acque molto basse che non permettevano la navigazione ai barchi di guerra ed i fondali di fango molle e nero inghiottivano inesorabilmente uomini e cavalli… ma un modo, un espediente certamente Attila lo avrebbe trovato.

Doveva vedere da vicino quel minuscolo paese e così aveva fatto costruire rapidamente una piccolo zattera fatta di leggeri tronchi d’albero legati assieme e quindi con i suoi comandanti-capi tribù si era diretto verso Gradus, o almeno così veniva chiamata quella piccolo isoletta di sabbia posta sul mare proprio al limite di quella immense laguna.

Dopo molti sforzi e diverse ore perse nel cercare un passaggio trà quell’intricato labirinto di canali e di molte secche, finalmente la zattera giunse in vista del piccolo abitato costituito da poche case di grigia pietra e difeso da modeste mura.

Su di un torrione stavano schierati degli uomini armati dall’aspetto imponente, ferreo, ed uno di loro teneva saldamente in mano uno stendardo che la fresca brezza di mare faceva sventolare lentamente.

Nel vedere quello stendardo Attila improvvisamente diventò pensieroso, mentre subito i suoi comandanti iniziarono  a confabulare trà di loro ripetendo spesso una parola:
“Trâba – Kölos”… ” Trâba – Kölos”…

Attila diede l’ordine di tornare subito indietro all’accampamento, dove avrebbe tenuto un consiglio di Guerra e discusso sul da farsi.

Sotto una grande tenda, seduto sul suo trono dorato, Attila interrogava i suoi comandanti-capi tribù su quanto avevano visto durante quella escursione in laguna e su cosa pensassero di un eventuale attacco alla piccolo roccaforte dell’isola di Gradus:

“… mio signore, lo sai che abbiamo combattuto ai tuoi ordini ed al tuo fianco mille e mille battaglie e mai non abbiamo fatto un passo indietro, niente ci ha mai fatto paura… ma vogliamo solo dirti che lo stemma su quello stendardo che abbiamo visto sventolare sul torrione di Gradus appartiene alla tribù dei Pinatti, grandi navigatori e soprattutto grandi guerrieri di mare… chi ha osato affrontarli è perito miseramente nella battaglia e le sue navi sono state incendiate ed affondate; perfino i feroci pirati Saraceni ne hanno timore ed evitano accuratamente ogni possible incontro.
Noi suggeriamo di tenere in considerazione questi fatti prima di prendere ogni decisione in merito alla battaglia…”

Attila rimase silenzioso; anche lui aveva avuto uno strano turbamento nel vedere quello stemma, quasi un presentimento… poi si alzò e disse:
“…il tempo è propizio per grandi conquiste in altre terre… date disposizioni di levare l’accampamento, domattina all’alba ci muoveremo verso ovest…”

Era l’alba di una bellissima giornata ed Attila, alla testa del suo grandioso esercito, dette un ultimo sguardo verso il mare, verso quella piccolo isola che adesso il sole appena nato colorava di un giallo-arancione splendente:
“…mia bella Gradus, sei come la più preziosa delle pietre della mia terra, sei un’ambra tra le più belle e così ti ricorderò, mia ambra bella…”

Mentre cavalcava tra le ancora fumanti rovine di Aquileja, Attila ripensava ancora a quello strano stemma dello stendardo… comunque era sicuro, la decisione presa era quella giusta: meglio non affrontare la battaglia, in fin dei conti c’erano molte altre città da conquistare prima di arrivare a Roma …





*****************************************

In uno degli infiniti numeri di Universi Paralleli sui libri di storia si legge così:

“…Attila fù sconfitto ed ucciso nella battaglia di Gradus e l’esercito delle tribù degli Unni non proseguì la sua marcia verso Roma ma ritornò subito nelle sue lontane terre senza farsi mai più rivedere.

Su quanto rimane di un piccolo torrione delle antiche mura di Grado si può ancora vedere scolpito uno stemma nel quale c’è uno stendardo con il disegno di una possente barca dalle forme rotonde e con sulla alta prora come due grandi occhi.
Incisa sotto lo stemma si può leggere una parola in Greco molto antico:
TRÂBA – KÖLOS …

*********************

08 set 2011

03 set 2011

UNIVERSI PARALLELI

Premessa: In questi ultimi anni la fantasiosa teoria degli "universi paralleli" sta' cominciando a dimostrarsi realta'. Cerchiamo assieme di vedere se anche Grado ha creato i suoi "universi paralleli.

" Ùndeze piani "


Che tu dizi conpare, ‘ndaremo a pìco ?

Ma de siguro !…se i và ‘vanti cussì  a costruì, prima o dopo Gravo ‘ndarà a fundi !

E no’ tu vìghi… ogni giorno i alsa ‘na gru e via, là che gera giusto un picolo albergo de do o tre piani sòlta fora un condominio de dieze o quindeze piani !

Ùndeze conpare, ùndeze… comò le squadre de balon…

Sì, magari i farà domanda per tredeze o quatordeze ma ‘l Comun: “niet”, solo ùndeze piani… i oltri i và in panchina !

Eh, si, tu schersi tu compare, ma quà le robe le xe serie… la storia l’insegna e seculi fà, cô i s’ha mèsso a costruì Gravo su’l sabion e su’l fango, l’unica roba granda opur òlta gera ‘l canpanil e la basilica, ‘chè i saveva che ‘l teren varave cedùo soto de ‘n peso cussì enorme.

Vàra là, Sant’Agata e San Gotardo le xe dute soto aqua perchè sì, el livelo de’l mar el s’ha alsao, ma anche per via de i cediminti de’l teren : miga un scherso !

Ciò, ma alora xe per quel che i ha fàto el Tissiano cussì grando, perchè de l’aqua se salvarà solo ili, quii che i ‘stà su i piani òlti !

Mah, che tu vòl che te digo… xe miera e miera de tonelae de peso tra duti ‘sti novi alberghi e condomìnii e le falde aquifere che slàva ‘l teren, co’ due ‘ste meze aluvion che ogni tanto te capita e co’i spandiminti de i scarighi fognari e de i tubi de l’aqua mezi ruti de siguro no’ và a giutà le fondamenta che li tien in pie…gargun dize che zà un palasson de quii alti sacramentai el xe un poco inclinao, no’l xe più a pionbo…
Ustia, conpare ! … che varèno anche noltri a Gravo la Tore de Pisa ? …tu te imagini che publissitàe ?… i vignarave a miera a vèghe ‘sta nova maravegia e cussì varàveno più turisti e più soldi de incassà !

Si… e vendaràveno anche i “gages”, co’ foto ricordo, cartuline e dute quele oltre macacade de plastica made in Cina… ma và là !
Comunque, pe’ serà la question, te digo solo che pe’ scaramansia me me tegno la mia batelina co’l “gionson” de sie cavali senpre a posto, senpre pronta, ‘che no’ se sà mai…che ceda ‘l teren o che vegna l’aqua òlta me resto senpre a gala e no’ me bagno !

T’ha ragion compare, ragion de vende… però forsi ‘desso sarave megio de tornà a casa, che me pàr stàga vignindo sù un tenporalon de quii numero un:
sà, pe’l Meteo i ha dào mundi piova …

*                              *                            *